La Calabria andrà al voto l’11 aprile. Le elezioni dovevano tenersi il 14 febbraio. Spirlì: “Rinvio necessario per salvaguardare la salute e l’incolumità dei Calabresi”

Domenico Spirlì
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“D’intesa con il presidente della Corte di appello di Catanzaro, e dopo aver sentito il presidente del Consiglio regionale, gli esponenti nazionali e locali delle varie forze politiche e gli assessori della Giunta regionale, assumo la decisione di rinviare al prossimo 11 aprile le consultazioni per l’elezione del presidente della Regione e dei consiglieri regionali della Calabria. Il relativo decreto di indizione delle elezioni è in fase di elaborazione”. E’ quanto ha annunciato il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì. “L’emergenza sanitaria che interesserà la regione nelle settimane e nei mesi a venire – aggiunge Spirlì – mi induce ad assumermi una responsabilità ulteriore per salvaguardare la salute e l’incolumità dei Calabresi. Ritengo che in momenti drammatici come questo non ci siano vincoli di sorta che possano o debbano impedire di poter decidere secondo buon senso e maturità”. Le elezioni dovevano tenersi il 14 febbraio, ma dopo le pressioni dei Cinque Stelle, preoccupati per i possibili rischi legati all’epidemia di Coronavirus, Spirlì ha deciso di posticiparle di due mesi (leggi l’articolo).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA