Elezioni in Calabria verso lo slittamento a causa del Covid-19. Il presidente facente funzioni Spirlì si piega alle richieste dei 5 Stelle

Nino Spirlì
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo il pressing del Movimento 5 Stelle per far slittare le elezioni in Calabria a causa del Covid-19, il presidente facente funzioni Nino Spirlì fa sapere che “a breve ci saranno novità”. Lo ha rivelato a margine di una cerimonia nella sede della Giunta a Catanzaro in riferimento alla data delle elezioni regionali, fissate al 14 febbraio, per le quali si sono sollevate numerose polemiche per la scelta giudicata “scellerata” dai 5 Stelle vista la situazione di emergenza nel Paese per via della pandemia.

“Ci sono delle interlocuzioni con i gruppi regionali, allo stesso modo c’è un’interlocuzione continua con il governo. Decideranno e decideremo tutti quanti insieme nelle prossime ore quello che è meglio per la Calabria” ha spiegato Spirlì. “Sono convinto che con la pazienza e le buone pratiche politiche e del buon senso si arriverà a una soluzione rapidamente. Non mi fate anticipare o dire altro, però sono convinto che tutti insieme, e con una disponibilità anche nelle mediazioni, si otterrà, come al solito, un grande risultato” ha puntualizzato il presidente facente funzioni secondo cui “i calabresi non hanno mai deluso i calabresi e quando l’hanno fatto non erano dei buoni calabresi. Sul solco tracciato da Jole Santelli sono convinto che oggi nessuno riuscirà a scalfire la certezza della buona rappresentanza anche e soprattutto politica”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA