La Camera voterà domani la risoluzione per destituire Trump. Pence ha 24 ore per decidere. Secondo l’Fbi gruppi armati pianificano un nuova rivolta a Washington

Nancy Pelosi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“I repubblicani alla Camera hanno respinto questa legislazione volta a proteggere l’America, consentendo agli atti di sedizione del presidente, instabili e squilibrati, di continuare. La loro complicità mette in pericolo l’America, erode la nostra democrazia e deve finire”. E’ quanto ha dichiarato la speaker della Camera, la dem Nancy Pelosi (nella foto), dopo che il Gop si è opposto alla discussione immediata della risoluzione presentata dai Democratici per chiedere al vicepresidente, Mike Pence, di ricorrere al venticinquesimo emendamento per destituire il presidente, Donald Trump (leggi l’articolo).

La Pelosi ha annunciato che la House voterà domani la risoluzione. Dopo l’approvazione, ha spiegato ancora la speaker, il vicepresidente Pence avrà 24 ore per rispondere. In caso negativo, ha proseguito, “come passo successivo, andremo avanti portando in aula il provvedimento di impeachment”. “La minaccia del presidente all’America è urgente  – ha detto ancora Pelosi -, e quindi lo sarà anche la nostra azione”. Il clima di tensione negli Stati Uniti resta, intanto, resto molto teso.

Nel testo, diffuso dall’ufficio della stessa speaker, si parla di “una nazione in preda all’orrore” e si sostiene che il presidente uscente “non è in grado di adempiere con successo ai doveri e ai poteri derivanti dal suo incarico”. Trump è accusato, inoltre, di “aver istigato rivoltosi e insorti a marciare sul Campidoglio e a battersi” in occasione dell’assolato a Capitol Hill di mercoledì scorso.

L’Fbi ha lanciato un allarme riguardante “gruppi armati” che si preparano a recarsi a Washington nei prossimi giorni. Secondo quanto rivelato da Abcnews, un’informativa del bureau indica che sono state raccolte “informazioni su un gruppo identificato di armati che intendono recarsi a Washington il 16 gennaio”. Il gruppo, prosegue l’informativa, ha “avvisato che se il Congresso cercherà di rimuovere Trump con il 25esimo emendamento vi sarà una enorme rivolta”.