La coppia di Wuhan guarita dal Covid dona allo Spallanzani 40mila dollari per la ricerca sul virus. Furono i primi due contagi registrati in Italia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Al loro ritorno in Cina hanno donato 40mila dollari per la ricerca sul virus Covid-19 i coniugi cinesi, ricoverati, guariti e dimessi a metà marzo dallo Spallanzani di Roma dopo essere stati segnalati come i primi due casi di contagio da Coronavirus registrati in Italia. “E’ una bella cosa. Un gesto di generosità – ha commentato il direttore sanitario Francesco Vaia -, che premia il nostro lavoro e rinverdisce in me quel sentimento di grande tenerezza che ho provato quando li abbiamo salutati”.

“La scelta di fare una donazione a favore dell’Istituto Spallanzani – ha commentato, invece, l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato – è un atto di grande generosità e di riconoscenza. C’è un proverbio cinese che recita: ‘chi torna da un viaggio non è mai la stessa persona che è partita’. Ecco il viaggio e la vicenda della coppia di Wuhan curata all’Istituto Spallanzani, che è un’eccellenza del nostro sistema sanitario regionale riconosciuta in tutto il mondo, e che sono stati il primo caso di positività in Italia, rimarrà impressa nella loro e nella nostra memoria. Voglio dunque rivolgere loro un ringraziamento e un invito a fare ritorno a Roma”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA