La Guardia di Finanza oscura 114 siti internet pirata che diffondevano partite di calcio e film. Gli eventi erano proposti sia in “diretta streaming” sia “on demand”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Guardia di Finanza, nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Procura di Brescia, individuato e bloccare 114 siti internet, ospitati da provider italiani, che offrivano, in diretta e illegalmente, eventi sportivi, nonché film e serie TV coperti dal diritto d’autore e a pagamento. In particolare, è stato accertato che venivano offerti contenuti pirata sia in modalità “streaming live” cioè in diretta, che in modalità “streaming on demand”, quindi, a richiesta degli interessati. Tutti i siti riportavano veri e propri palinsesti organizzati, di immediata e facile accessibilità per gli utenti, per facilitare la scelta del programma preferito. “Tali fenomeni di pirateria costituiscono costante pericolo per la sicurezza economico-finanziaria” fa sapere la Guardia di Finanza le cui indagini in questo settore da un lato, “mirano a contrastare la diffusione dei contenuti pirati a tutela dei legittimi distributori che dispongono del copyright” e dall’altro “prendono di mira l’illecita catena di valore che ruota intorno a tale fenomeno illegale”.