La guerra del gas. Gazprom stoppa le forniture all’Ucraina. Il colosso russo: “Kiev non ha pagato”. E ora ci sono seri rischi per i rifornimenti in Europa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gazprom interrompe le forniture di gas all’Ucraina. Il colosso energetico russo ha fatto sapere che il provvedimento resterà in atto finché non saranno avviati nuovi pre-pagamenti. Oggi, ha spiegato l’amministratore delegato di Gazprom Alexiei Miller, è stato consegnato tutto il metano già pagato da Kiev e non ci sarebbero state nuove richieste. “La rinuncia da parte di Kiev di acquistare il gas russo crea seri rischi per il transito affidabile del gas in Europa attraverso il territorio ucraino”, ha sottolineato Miller, “e anche per la fornitura di gas ai consumatori ucraini per il prossimo inverno.Kiev ha cominciato a prelevare il gas dai depositi ma essi non sono riempiti a sufficienza e questo comporta rischi per il transito verso l’Europa”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA