La lettera del vigile del fuoco alla piccola Giulia, morta sotto le macerie per salvare la sorella

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una lettera semplice e proprio per questo ancora più commovente. Andrea, un vigile del fuoco che ha prestato i soccorsi dopo il terremoto a Pescara del Tronto, ha scritto delle parole poggiate sulla bara di Giulia, la sorella di Giorgia, morta nei crolli di quella drammatica notte.

“Ciao piccola, scusa se siamo arrivati tardi. Purtroppo avevi già smesso di respirare, ma voglio che tu sappia da lassù che abbiamo fatto tutto il possibile per tirarvi fuori da lì. Ciao Giulia, anche se non mi hai mai conosciuto ti voglio bene. Andrea”, ha scritto il vigile del fuoco. “Quando tornerò a casa mia all’Aquila saprò che c’è un angelo che mi guarda dal cielo e di notte sarai una stella luminosa. Ciao Giulia, anche se non mi hai conosciuto. Ti voglio bene”, ha concluso Andrea.

Lettera vigile del fuoco

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA