La lobby logora chi non ce l’ha. E pure Di Maio adesso va ai meeting dei gruppi di pressione in Parlamento

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’immagine è una di quelle da immortalare. Il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, leader in pectore del Movimento 5 Stelle, seduto al fianco di un lobbista. Anzi di più. Ospite d’onore dell’evento Dentro o fuori dal Palazzo?, organizzato dalla F&B Associati, società specializzata in lobbying.

CAMBIO DI PASSO
Per carità, è tutto lecito e alla luce del sole. “Nulla da nascondere, è tutto pubblico”, tagliano corto i 5 Stelle. Peraltro, Di Maio avrà interlocutori di prestigio come Massimo Franco, editorialista del Corriere della Sera, e Fabio Bistoncini, fondatore della F&B Associati. L’appuntamento è in programma mercoledì 20 luglio, a Roma, nel Palazzo Firenze, a partire dalle ore 18. Il dibattito prenderà spunto dalla  presentazione di un’analisi sul lavoro svolto in Parlamento dal M5S. Da inizio legislatura a oggi sono state messe sotto la lente di ingrandimento del centro studi di F&B Associati le azioni intraprese dai 5 Stelle. A partire dalla presentazione di proposte di legge per finire alle interrogazioni depositate. Ma, al di là di temi e ospiti, c’è la sorpresa per la presenza di Di Maio a un evento promosso dai lobbisti. Perché i portatori di interesse sono spesso indicati come un male dai parlamentari del Movimento. E proprio il vicepresidente dell’Aula di Montecitorio, su Facebook, ribadiva l’impegno – nell’ormai lontano 2014 – il suo “impegno a cacciare i lobbisti dalla Camera dei Deputati”. Senza dimenticare l’attacco a Renzi, che “ha firmato contratti a tempo indeterminato con le lobby”, sosteneva Di Maio qualche mese fa.

Il cambio di passo, con la presenza all’evento di mercoledì, è un altro balzo in avanti della metamorfosi dei 5 Stelle. E in particolare del suo probabile candidato premier, che sta vivendo un periodo di iper attivismo, come testimonia il recente viaggio in Israele. Eppure non è mai sfuggita la severità dei pentastellati rispetto alla legge sulle lobby, che comunque risulta impantanata in Parlamento: nemmeno il tentativo di inserire il testo come emendamento al ddl Concorrenza ha sortito un effetto. “La prima cosa che bisognerebbe fare è l’intervento sugli accessi dei lobbisti nei Palazzi, che vanno assolutamente tracciati, per sapere chi invita chi”, aveva spiegato a La Notizia il senatore Vito Crimi. Una posizione condivisa dal deputato Danilo Toninelli, che aveva chiesto di tracciare gli incontri tra lobbisti e parlamentari anche al di fuori dei Palazzi. Una conferma della tradizionale diffidenza nei confronti del Movimento.

DIFFERENZE
E non passa inosservato nemmeno l’approccio differente rispetto a qualche mese fa. Un esponente di spicco del Movimento 5 Stelle come Di Maio parteciperà a una tavola rotonda di lobbisti, mentre ad aprile, all’incontro – di tutt’altro tenore istituzionale – al Quirinale con Sergio Mattarella, sono stati spediti volti meno noti: i capigruppo di Camera e Senato, Michele Dall’Orco e Nunzia Catalfo. Eppure al centro del confronto c’era la richiesta di un nuovo passaggio parlamentare, con un voto di fiducia, per l’ingresso in maggioranza di Verdini.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA