Di Maio a caccia di rapporti diplomatici in Medioriente. Dopo la festa per i 30 anni sul Tevere il candidato premier in pectore dei Cinque Stelle vola in Israele e Palestina

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Che il Movimento Cinque Stelle stia cominciando a pensare in grande lo testimoniano anche le mosse a livello internazionale. Luigi Di Maio, per molti destinato il candidato premier in pectore, proprio oggi parte alla volta di Israele e Palestina. Una visita che comincia oggi per concludersi l’11 luglio con una serie di appuntamenti di primissimo livello. Insieme a Di Maio ci sono i parlamentari Manlio Stefano e Ornella Bertorotta.

Il viaggio all’indomani della festa per i 30 anni di Di Maio, ieri sera in un locale sul Tevere; festa a cui ha partecipato anche Virginia Raggi che questo pomeriggio presenta la sua Giunta. La delegazione del Movimento 5 Stelle incontrerà a Tel Aviv esponenti della società civile e i rappresentanti di Breaking the silence, l’associazione non governativa che raduna soldati e veterani di guerra e quelli di Parents Circle. Incontri anche con un gruppo di genitori in lutto impegnato per la pace fra israeliani e palestinesi. L’agenda prevede incontri anche con Abraham Yehoshua e Etgar Keret, due artisti simbolo dell’attuale generazione di scrittori israeliani. Poi la delegazione proseguirà per Gerusalemme visitando il Memoriale dell’Olocausto e poi si trasferirà a Ramallah con la visita al villaggio di Bil’in, simbolo dell’opposizione al Muro di sicurezza. Fitta l’agenda degli appuntamenti, come ricordato anche dall’Ansa: incontri con i rappresentanti di UNRWA la struttura dell’Agenzia ONU per i rifugiati palestinesi al campo di Aida, pranzo con il sindaco di Betlemme, visita a Hebron e al quartier generale della missione TIPH. E non è escluso un passaggio sulla striscia di Gaza. E per stringere ulteriori rapporti internazionali il prossimo mese di settembre Di Maio dovrebbe viaggiare anche alla volta degli Stati Uniti d’America.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA