La Lombardia è allo stremo. Fontana: “I numeri continuano a crescere: siamo vicini al momento in cui non avremo letti di rianimazione”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“I numeri continuano a crescere: siamo vicini al momento in cui non avremo letti di rianimazione”. E’ quanto ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a SkyTg24, spiegando che il problema principale nell’emergenza Coronavirus in corso, sopratutto in Lombardia (qui i dati sulla diffusione del Covid-19), “è recuperare respiratori”. “Sono infatti – ha aggiunto il governatore lombardo – l’elemento essenziale per la costruzione di un ospedale da 500 posti nei padiglioni della Fiera di Milano”. Nel frattempo, ha aggiunto, “si cerca di recuperare altri letti negli ospedali. E spero che riescano ancora per qualche giorno a compiere questi miracoli”.

“Tra poco arriviamo a un punto di non ritorno. Se ogni giorno abbiamo 85 persone in più che entrano in terapia intensiva e tendenzialmente ne escono due o tre, perché il dato è il 10% e il 15% considerato chi esce e chi muore, tutto questo non è sufficiente. E’ difficile per tutti ma, come noi stiamo facendo un grande sforzo, chiediamo la stessa intensità da tutti” ha spiegato, sempre a SkyTG24, l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera.

“Credo che ci sia una percezione sbagliatissima a Roma – ha detto ancora Fontana – e non solo. Sentivo in tv un medico di Genova, faceva i discorsi di chi non ha coscienza di cosa succede, perché la situazione è oggettivamente gravissima, il virus è subdolo, scompare e ricompare e colpisce duro. Siamo agli sgoccioli dei letti per la terapia intensiva, l’assessore mi dice che sono poche decine. Per questo noi avevamo fatto alla Protezione civile una proposta e ci avevano appoggiato. Loro avrebbero recuperato personale e ventilatori, noi i locali preparati come un reparto ospedaliero”.

“Abbiamo già il progetto di massima al Padiglione 1 e 2 della Fiera. Ora – ha detto ancora a Repubblica il presidente della Regione Lombardia – non è colpa di nessuno e i ventilatori non si trovano e i medici mancano. Il virus al 90% dei casi non è grave, ma a un 10% della popolazione causa una gravissima polmonite. Per questi malati serve un letto per la rianimazione, anche per una dozzina di giorni, e la crescita dei contagi porta all’esaurimento dei letti. Noi in due settimane ne abbiamo creati 300, e li abbiamo aggiunti ai 650 che già c’erano, puoi fare miracoli ma esistono studi seri che parlano di 4 mila persone da ricoverare in terapia intensiva in Italia a breve”.

“Noi – ha concluso Fontana – siamo i primi a essere finiti nello tsunami, anche la signora Merkel si è detta disposta a collaborare e se lo fa le dirò grazie per tutta la vita. Insomma, il ‘modulo’ studiato da Regione e Fiera Milano può servire per tutta l’Europa e fuori dall’Italia l’hanno compreso. E se da noi passerà l’emergenza, i malati da altre regioni potranno trovare qui il posto che non hanno a casa loro”.

Per far fronte all’emergenza, Consip fa sapere di aver già ordinato 3.800 ventilatori polmonari, ne ha reso disponibili in pronta consegna ulteriori 300, e ha contrattualizzato forniture per oltre 30 milioni di mascherine chirurgiche, più di 7 milioni di guanti, oltre 13 milioni di tute, calzari, cuffie e camici (ancora da assegnare da parte di Protezione Civile) e per oltre 390 mila tamponi e più di 260 kit diagnostici corrispondenti a oltre 67 mila test. Dei 3.800 ventilatori polmonari ordinati, evidenzia ancora Consip, i primi 329 sono con consegna a 3-7 giorni e oltre 3.500 a 15-45 giorni. Per gli ulteriori 300 ventilatori resi disponibili in pronta consegna è stata individuata l’azienda Siare Engineering di Bologna, che ha perfezionato un apposito accordo con la Protezione Civile.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA