La Lombardia torna in zona arancione. Restano rosse Sicilia e Bolzano. Gialle: Campania, Basilicata, Molise, Toscana e Trento. Altre 14 regioni rimangono arancioni

ROBERTO SPERANZA
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato l’ordinanza che annulla gli effetti del precedente provvedimento con cui era stato inserita in zona Rossa la Regione Lombardia, che rientra dunque in zona arancione. L’ordinanza ha validità dal giorno della pubblicazione in Gazzetta ufficiale per 15 giorni. La decisione, si legge nell’atto, è stata presa “in ragione degli elementi sopravvenuti conseguenti alla rettifica dei dati operata dalla Regione Lombardia ora per allora, come certificati dalla Cabina di regia”.

Restano gialle 4 regioni, oltre alla Provincia Autonoma di Trento sono Campania, Basilicata, Molise e Toscana. Speranza ha firmato tre nuove Ordinanze: il 22 gennaio una per la regione Sardegna, che diventa arancione (prima era gialla), una per Calabria, Emilia Romagna e Veneto; il 23 gennaio per la Regione Lombardia, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia (DM 30 aprile 2020), che si è riunita il 22 gennaio 2021.

Le Ordinanze saranno in vigore dal 24 gennaio 2021. Sono dunque 14 le Regioni in area arancione: Calabria, Emilia Romagna, Veneto, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria e Valle d’Aosta. In base alla nuova configurazione dell’Italia per l’emergenza Covid, restano in area rossa la Sicilia e la Provincia Autonoma di Bolzano.