La paura per la Grecia turba i mercati. L’Euro ai minimi dal 2006, poi risale. Piazza Affari in forte calo: ha chiuso a -4,92%

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’euro scende ancora e tocca i minimi dal 2006, prima di riprendere quota. La moneta unica scende fino a 1,1864 dollari, valore minimo dal marzo 2006, per poi risalire fino a 1,1959 dollari. In calo anche sullo Yen, a 143,16, ai minimi da inizio novembre. Pesano i timori sulla Grecia

Seduta di fortissimo ribasso per la Borsa di Milano: l’indice Ftse Mib ha chiuso in calo del 4,92% a 18.188 punti sui minimi di giornata con Eni in perdita di oltre l’8% e forti scivoloni tra le banche (Unicredit -6,6%, Intesa -5,9%).

EURO AI MINIMI
L’euro scende ancora e tocca i minimi dal 2006, prima di riprendere quota. La moneta unica scende fino a 1,1864 dollari, valore minimo dal marzo 2006, per poi risalire fino a 1,1959 dollari. In calo anche sullo Yen, a 143,16, ai minimi da inizio novembre.

SCENDE IL PETROLIO
Il petrolio scende a New York sotto i 50 dollari al barile per la prima volta dall’aprile 2009. Tornano le turbolenze sul rublo in questo inizio del 2015 dopo la tempesta che lo ha colpito a fine dello scorso anno. Di pari passo con il ribasso del petrolio la moneta russa cede oltre il 6% sfiorando quota 60 (59,4).

 

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA