La Pitonessa tentatrice

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Di Alessandro De Angelis per L’Huffington Post”

Le spire della Pitonessa provano ad avvolgere il quotidiano fondato da Antonio Gramsci. Daniela Santanchè ha chiesto di andare a vedere i conti dell’Unità. Con l’idea di presentare un’offerta di acquisto. Lo spiffero, comparso sul sito Dagospia, è confermato all’HuffPost da fonti interne al giornale. Il contatto, secondo l’HuffPost, sarebbe scattato stamattina, ma al momento i conti non le sono stati mostrati. Mentre è stato chiesto all’editore Fago di allegare alla sua proposta, ritenuta insufficiente dal liquidatore, un progetto industriale completo.

Sia come sia, è bastato il contatto a far salire sulle barricate una redazione già fiaccata da mesi di battaglie (senza stipendio). Un membro del cdr ci va giù duro: “L’ipotesi di avere come editore la Santanché è per noi un’ipotesi senza futuro”. Pensiero che viene poi articolato in una nota ufficiale del sindacato interno dei giornalisti: “In merito alle indiscrezioni riguardanti un’offerta di Daniela Santanchè per rilevare l’Unità, il Cdr del giornale – si legge – informa che si tratta di un’ipotesi che non avrà alcun futuro. Da quanto ci dicono i liquidatori, la sola idea che questa testata possa andare a finire nelle mani di una esponente di Forza Italia è incompatibile con la storia del giornale e quindi con la sua valorizzazione”.

Per la serie: non vogliamo morire berlusconiani. Ed è però proprio su questo terreno che le spire della Pitonessa si muovono in maniera furba e intelligente. Perché la manovra non sarebbe quella di spostare il quotidiano a destra. Ma di tenerlo a sinistra, facendone l’house organ di Renzi. O meglio, del Patto del Nazareno. Non a caso dell’operazione sarebbe al corrente Denis Verdini, il grande negoziatore del patto su mandato di Berlusconi. Mentre autorevoli fonti renziane dicono di non saperne nulla. Chissà.

Proprio oggi i giornalisti dell’Unità hanno inviato un accorato e appassionato video-appello al premier: “Matteo non abbandonarci”. Ironie della sorte, proprio oggi è arrivata la telefonata della Santanché.