La più grande vetrina degli ascensori del futuro per tre giorni a Milano

Milano ospita per tre giorni LIFT EXPO ITALIA 2022, il principale appuntamento nazionale per il settore degli ascensori.

LIFT EXPO ITALIA 2022 è il principale appuntamento nazionale per il settore degli ascensori, che nasce dalla richiesta delle aziende specializzate di tornare a incontrarsi dopo alcuni anni di assenza. Un evento atteso anche in chiave internazionale, in quanto il mercato italiano degli ascensori è il più importante in Europa per numero di impianti installati.

La più grande vetrina degli ascensori del futuro per tre giorni a Milano

A Milano LIFT EXPO ITALIA 2022, il principale appuntamento nazionale per il settore degli ascensori

LIFT EXPO ITALIA 2022, che parte oggi a Milano e si concluderà venerdì prossimo, 21 ottobre, è inserita oltre che nel calendario delle Fiere Internazionali della Regione Lombardia anche in quello delle fiere internazionali di AEFI, l’Associazione Esposizioni e Fiere Italiane. Pertanto le aziende espositrici italiane hanno potuto usufruire dell’opportunità dei contributi a fondo perduto europei.

UN FORMAT SPECIFICO
L’evento è un esposizione biennale con servizi di aggiornamento tecnico di alto livello. Una vetrina che si avvale di un format studiato appositamente per favorire il confronto tra i costruttori nazionali e internazionali più qualificati. Per questo gli stand sono andati tutti sold out, ed è previsto un intenso programma di convegni, speech commerciali, meeting e attività conviviali, a partire dalla cena di Gala di stasera. Unica fiera internazionale degli ascensori che si svolge in Italia presso ALLIANZ MICO – FieraMilanoCity, su un’area espositiva di 7.000 metri quadri LIFT EXPO ITALIA 2022 è un’occasione unica per incrementare la visibilità e la rete commerciale delle imprese del comparto. Nasce infatti proprio per questo: favorire la crescita e lo sviluppo del settore ascensoristico con l’obiettivo di riportare gli stakeholder esteri a visitare di nuovo una fiera internazionale in Italia, composta da produttori di componenti e impianti completi per il mercato nazionale e internazionale. La scelta della location è strategica: il nuovo polo fieristico nella zona City Life di Milano offre infatti ai visitatori una cornice suggestiva e facile da raggiungere.

Sotto la lente l’innovazione tecnologica

Il tema principale di LIFT EXPO ITALIA 2022 riguarda l’innovazione tecnologica declinata in tutte le sue sfaccettature per dare visibilità ai risultati della progettazione dei componenti in linea con gli sviluppi normativi più recenti. Durante i tre giorni espositivi i visitatori possono partecipare ai LIFT FOCUS su aggiornamento normativo UNI 10411 1/2, sicurezza, accessibilità e design con i relatori più esperti del settore. L’obiettivo dell’evento è presentare al meglio l’industria nazionale degli ascensori visto che l’Italia è uno dei primi due produttori mondiali. E mettere le nostre produzioni a confronto con quelle estere, puntando insieme ad un arricchimento di soluzioni per i mercati sempre più orientati al rinnovamento tecnologico.

I Paesi di provenienza degli espositori sono tra gli altri, oltre che l’Italia, Spagna, Germania, Turchia, Grecia, Polonia, Ungheria, India, Austria, Arabia Saudita. Presente anche la stampa nazionale e quella di settore italiana e internazionale (Elevatori Magazine – Premium Media Partner e Ascensores Montacargas, Elevator World, Lift Report).

Un settore con forte potenziale. Sia sul mercato nazionale che estero

Un settore che potenzialmente può crescere ancora molto, tanto in Italia dove il periodo della pandemia ha presentato il conto, quanto e ancora di più all’estero. Quello degli ascensori in Italia è un comparto industriale di assoluta eccellenza, che ha nell’ANICA il suo punto di riferimento. L’Associazione Nazionale delle Industrie di Componenti per Ascensori ha da poco festeggiato i 40 anni (è nata il 9 luglio del 1981) e annovera tra i suoi iscritti più di 80 aziende operanti in Italia nella produzione e progettazione di ascensori e montacarichi e nella manutenzione e installazione degli stessi.
Negli stabilimenti degli associati vengono prodotti tutti i componenti utilizzati nel settore ascensoristico. Le aziende associate coprono circa il 55% del fabbisogno europeo. Un dato che conferma la capacità delle imprese di offrire prodotti sicuri e di qualità. L’associazione organizza mensilmente appuntamenti tecnici sulle normative vigenti, su progetti di norma e su tematiche studiate ad hoc. Ha una Commissione Tecnica guidata da due ingegneri e composta da numerosi tecnici dipendenti delle stesse aziende associate. Inoltre, tra i numerosi servizi, organizza eventi fieristici anche in collettiva che si tengono all’estero (Turchia, Germania, Polonia, India e in passato anche in Russia), e missioni commerciali in vari paesi esteri.

LO SCENARIO
Tra le attività dell’Anica c’è anche il monitoraggio del settore anche attraverso ricerche che offrano alle aziende e agli stakeolders una visione puntuale sul comparto, sempre più rilevante per numero di imprese, dipendenti e fatturato. Fiore all’occhiello di queste industrie è peraltro l’alto livello di innovazione tecnologica che raggiungono, esportando in tutto il mondo prodotti che rappresentano alla perfezione il meglio del Made in Italy. Qui accanto pubblichiamo alcuni grafici di una ricerca di mercato commissionata a dicembre 2021 a PLIMSOLL sull’installazione e manutenzione ascensori e scale mobili Italia. Lo studio è stato realizzato attingendo a database nazionali e internazionali. Nelle immagini accanto si fa riferimento alle performance sulle vendite delle imprese del settore nell’ultimo esercizio (valori espressi in migliaia di euro) e viene calcolato come segue: vendite dell’esercizio corrente – vendite dell’esercizio precedente x 100/vendite dell’esercizio precedente. Nel secondo grafico è evidenziata invece la distribuzione delle imprese in funzione al numero di dipendenti. Il calcolo è fatto sulla base del numero dei dipendenti ed il numero delle imprese del settore. Per lo Studio di Mercato completo è necessario essere iscritti all’associazione, www.anicalift.it.

Sempre più centrale il ruolo degli ascensoristi. Manutenzione e sicurezza sono efficaci solo con competenze altissime

L’ascensore ha consentito di ridefinire i profili urbanistici (è immaginabile un grattacielo senza ascensore?) e nel tempo è diventato un mezzo di solidarietà sociale come riconosciuto dalla nostra Corte di Cassazione (superamento delle barriere architettoniche). Insomma è un mezzo di trasporto fondamentale nel quotidiano delle persone (ogni giorno in Italia vengono effettuate 70 milioni di corse persona, come da dati di fonte Mi.S.E.) e un sistema complesso, delicato dal punto di vista tecnologico e meccanico. Ecco perché la qualità delle imprese e dei tecnici ascensoristi rappresenta un requisito fondamentale per garantire la sicurezza degli utilizzatori. L’ascensorista negli anni ha ampliato e potenziato competenze seguendo l’innovazione tecnologica e deve soddisfare elevati requisiti normativi previsti dalla legge.

Troppo spesso però prevale la percezione che sia una figura a bassa componente professionale che svolge una funzione a basso costo. Nel corso degli anni la concorrenza sui prezzi per i servizi di installazione e manutenzione degli ascensori ha alimentato la corsa a ridurre i costi intaccando i livelli qualitativi delle prestazioni offerte e ponendo anche qualche interrogativo sulla stessa sicurezza.

Per questo occorre una profonda riflessione per invertire una tendenza che vede la componente prezzo far premio sui requisiti di qualità e sicurezza. È necessario sviluppare sinergie tra l’intera filiera degli ascensoristi e la platea degli utilizzatori, dalle organizzazioni dei consumatori a quelle degli amministratori di condominio. L’obiettivo è far maturare la consapevolezza in ciascuno per individuare la giusta ed equilibrata valorizzazione della prestazione. L’efficienza economica va sempre ricercata ma salvaguardando qualità e sicurezza. (di Mara Marcolini Presidente Nazionale Cna Mestiere Ascensori)

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram