La Polonia si risveglia anti europeista. Alle elezioni trionfa la destra nazionalista. E potrà governare da sola

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In Polonia vince a sorpresa le elezioni il partito di destra anti-Ue all’opposizione Diritto e Giustizia (Pis) del leader Jaroslaw Kaczynski. Le preferenze ottenute si attestano al 39,1%. La candidata premier è Beata Szydlo. Il partito del primo ministro uscente, Piattaforma civica, si ferma al 23,4% delle preferenze. Ma ora la destra anti europeista ha tutti i numeri per governare da sola. Il terzo partito più votato è Kukiz’15 che prende il nome dal cantante rock fondatore e che ha ricevuto il 9% i voti. Gli altri due partiti del Sejm saranno Nowoczesn.pl (Moderna) del liberale Ryszard Petru con il 7,1% dei voti e il Partito dei contadini (Psl) con il 5,2% delle preferenze. La Sinistra unita resta fuori dalla Camera bassa, come anche la sinistra sociale. I votanti sarebbero stati il 51,6%, poco più della metà degli aventi diritto.