La Polonia si risveglia anti europeista. Alle elezioni trionfa la destra nazionalista. E potrà governare da sola

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In Polonia vince a sorpresa le elezioni il partito di destra anti-Ue all’opposizione Diritto e Giustizia (Pis) del leader Jaroslaw Kaczynski. Le preferenze ottenute si attestano al 39,1%. La candidata premier è Beata Szydlo. Il partito del primo ministro uscente, Piattaforma civica, si ferma al 23,4% delle preferenze. Ma ora la destra anti europeista ha tutti i numeri per governare da sola. Il terzo partito più votato è Kukiz’15 che prende il nome dal cantante rock fondatore e che ha ricevuto il 9% i voti. Gli altri due partiti del Sejm saranno Nowoczesn.pl (Moderna) del liberale Ryszard Petru con il 7,1% dei voti e il Partito dei contadini (Psl) con il 5,2% delle preferenze. La Sinistra unita resta fuori dalla Camera bassa, come anche la sinistra sociale. I votanti sarebbero stati il 51,6%, poco più della metà degli aventi diritto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA