La regina Elisabetta a colloquio con “re Giorgio”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Oggi, nello studio dell’Aueltta Paolo VI, la regina Elisabetta II e il principe consorte Filippo di Edimburgo incontreranno Papa Francesco. I reali d’Inghilterra sono già arrivati in Vaticano, insieme ad un corteo di auto che ha attravresato via della Conciliazione e Piazza San Pietro, per poi varcare l’Arco delle Campane.

In mattinata la regina ha invece incontrato il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: una vistia caratterizzata da scambi di sorrisi, conversazione in inglese e atmosfera ‘amichevole’, secondo quanto hanno riferito i giornalisti presenti. Il presidente e la sovrana, accompagnati dai rispettivi consorti, sono stati prima nella Sala del Bronzino e poi si sono spostati in quella degli Arazzi.

L’aereo privato, un Embraer 135, su cui hanno viaggiato la sovrana britannica e il consorte, il principe Filippo, duca di Edimburgo, è atterrato all’aeroporto militare di Ciampino alle 12.30. La sovrana ripartirà dallo stesso scalo in serata a conclusione di una giornata fitta di impegni.

La regina indossa un cappotto color glicine con un cappello intonato ornato di fiori. Ad accoglierla l’ambasciatore britannico Christopher Prentice.

A Ciampino Elisabetta II è scesa da sola, appoggiandosi al corrimano delle scaletta dell’aereo Embraer, seguita dal principe consorte Filippo, Duca di Edimburgo. Sotto l’aereo la sovrana è stata accolta da parte italiana dal Capo del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica, ambasciatore Stefano Ronca, dall’Arcivescovo Francesco Canalini, in rappresentanza della Santa Sede, e dalla moglie dell’ambasciatore Prentice, Signora Nina. Dopo aver ricevuto un bouquet di fiori dalle mani di una bambina, figlia di un rappresentante dell’ambasciata britannica, la Regina, sorridente, e il principe consorte, sono passati davanti ad un picchetto d’onore dell’Aeronautica Militare e sono quindi entrati nella Sala di rappresentanza del 31 Stormo. Con una Lancia Thesis blu scura, la coppia reale ha quindi lasciato alle 12.45 lo scalo romano.

La regina Elisabetta e Filippo sono stati quindi accolti nel cortile d’onore del Quirinale dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e dalla moglie Clio. Alla regina sono stati presentati gli onori militari e poi sono stati suonati gli inni nazionali di Gran Bretagna e Italia. La bandiera britannica, l’Union Jack, è stata issata sul torrino del Quirinale.

Sul soprabito glicine è appuntata una grande spilla di zaffiri con rifiniture in oro e circondata da diamanti, che fu acquistata dalla Regina Mary, la nonna di Elisabetta, nel 1934 e donata a Elisabetta nel 1953. Lo stilista inglese Stweart Parvin ha invece firmato l’abito della sovrana, completato da un cappellino di un color lilla più intenso con applicazioni floreali.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA