La ripresa della Cina non è vicina. I mercati restano in tensione per la frenata del Dragone. E con le nuove incertezze sulla Grecia le Borse arretrano. Milano -2,64%

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La frenata dell’economia cinese rischia di continuare a lungo, nonostante le mosse a protezione avviate nelle ultime settimane dal Governo di Pechino e soprattutto dalla Banca centrale che ha svalutato lo yuan. Se a questo si aggiungono le difficoltà dei Paesi emergenti (Russia in primis), i volumi ridotti della settimana di ferragosto e le nuove incertezze che arrivano dalla Grecia, dove il Governo Tsipras che ha firmato gli accordi con l’Europa si è dimesso, ecco che ci sono tutti gli ingredienti per far venire pesantemente giù i mercati. Le Borse europee così hanno chiuso sui minimi di seduta penalizzate anche dall’apertura in forte calo di Wall Street.

 

Milano è stata la peggiore piazza del Vecchio Continente con il Ftse Mib in rosso del 2,64%, depresso da Prysmian (-4,6%), Mediolanum (-4,7%) e Buzzi (-3,8%) che paga l’esposizione sulla Russia. Vendite su tutto il comparto bancario mentre si salvano soltanto le società sotto Opa come Ansaldo (+0,5%) e Wdf (+0,2%).

 

Vendite meno accentuate anche sulle aziende dell’energia come Terna (-1,3%) e A2A (-1,3%). Sul resto del listino balza Sorin (+6,1%) dopo che il Tribunale di Milano ha respinto il ricorso di alcuni creditori contro la fusione con l’americana Cyberonics.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA