La ripresa è piccola piccola. Pure Draghi chiede riforme

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Alessandra Fassari

Ecco perché nessuno vede la ripresa di cui parlano Letta e il ministro dell’economia Saccomanni. Se c’è davvero è talmente minuscola da non sentirsi neppure. Parola del numero uno della Banca Centrale Europea Mario Draghi, che ieri ha spiegato come vedono le cose da Francoforte, sede della Bce e cuore di una moneta unica sempre più chiaramente corresponsabile della recessione di cui ha sofferto fin ora mezza Europa. “La ripresa è ancora agli inizi. L’economia rimane fragile”, ha detto Draghi, intervenendo a un convegno a Berlino.

I piani della Bce
Una crescita minuscola, appena lo 0,3% facendo la media della zona euro nel secondo trimestre. Come svuotare la Costa Concordia con un cucchiaino. Una ripresa in fase embrionale che la Bce sosterrà mantenendo i tassi di interesse sui livelli attuali o inferiori per un periodo prolungato, anche perché la disoccupazione è ancora troppo alta. E questa, a differenza della ripresa tanto decantata, invece si vede benissimo.

Senza credito
Uno dei problemi più rilevanti resta quello dell’accesso al credito, ha ammesso Draghi, che però si è guardato bene dal prendersela con le banche che attingono risorse illimitatamente alla stessa Bce a tassi irrisori e poi non impiegano i soldi – praticamente tutte – e ha circoscritto il guaio alla mancanza di trasparenza nei bilanci degli istituti. “Un freno ai prestiti – ha detto – è la mancanza di trasparenza sui bilanci bancari”. Un unico garante europeo aiuterà a risolvere questo problema, anche se per uscire dal guado l’Eurotower spedisce la palla sul campo dei governi nazionali e delle riforme che non ci sono. La Bce non può sostituirsi ai governi dell’Eurozona nel compito di tagliare i deficit di bilancio, nel fare le riforme strutturali e nel riparare sistemi politici rotti, ha concluso Draghi, spiegando che a ciascuno tocca il suo compito. Ma negli Stati Uniti, dove l’economia è già realtà, la banca centrale non ha fatto un ragionamento così.