La Russia ha un vaccino per il Covid. E’ stato sperimentato anche sulla figlia di Putin. La produzione industriale partirà a settembre. Ordini già da venti Paesi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il ministero russo della Salute ha dato il via libera alla registrazione del primo vaccino al mondo per il Covid-19. Lo ha annunciato il presidente Vladimir Putin, secondo quanto riportano Russia Today e l’agenzia Tass. Il vaccino è sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca. Putin ha anche rivelato che una delle sue figlie ha preso parte alla sperimentazione. “Dopo la prima vaccinazione aveva la temperatura di 38 gradi, il giorno dopo scesa a 37”, ha detto il presidente. Secondo le stesse fonti governative russe, venti Paesi nel mondo hanno già pre-ordinato un miliardo di dosi del vaccino che verrà prodotto in quantità industriale da settembre. Putin ha detto che la vaccinazione deve essere effettuata “a condizioni assolutamente volontarie” in modo che tutti coloro che lo desiderano possano “sfruttare le conquiste degli scienziati russi”. “So che altre istituti stanno lavorando su vaccini simili in Russia. Auguro successo a tutti gli specialisti. Dovremmo essere grati a coloro che hanno fatto questo primo passo estremamente importante per il nostro Paese e per il mondo intero”, ha concluso il presidente russo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA