La Russia minaccia la Lituania e lancia ultimatum: “Via blocco da Kaliningrad o reagiremo”

La Russia minaccia la Lituania e nelle ultime ore è arrivato anche un ultimatum. Sullo sfondo le sanzioni Ue come causa del conflitto.

La Russia minaccia la Lituania: nelle ultime ore è andato in scena un botta e risposta tra i due paesi con minacce e ultimatum. Sullo sfondo ci sono sempre le sanzione dell’Unione Europea alla Russia per via del conflitto scoppiato in Ucraina.

La Russia minaccia la Lituania e lancia ultimatum: “Via blocco da Kaliningrad o reagiremo”

La Russia minaccia la Lituania

La Lituania ha bloccato il transito di alcune merci verso e da l’enclave russa. Il governatore della regione di Kaliningrad, Anton Alikhanov, citato da Ria Novosti, ha denunciato che il divieto colpisce circa la metà di tutti i beni trasportati, compresi materiali di costruzione e metalli.  Sullo sfondo ci sono sempre le sanzioni dell’Unione Europea alla Russia. Dalla capitale lituana Vilnius arrivano le motivazioni di questo blocco:Sono un effetto delle sanzioni Ue che sono in vigore dal 17 giugno”, e si aggiunge che il blocco non c’è per “trasporto di passeggeri e merci non soggetti al regime di sanzioni Ue da e per la regione di Kaliningrad”. Tuttaviaa, il ministero degli Esteri russo nella nota ha definito “apertamente ostili” le azioni lituane.

Lanciato ultimatum: “Via blocco da Kaliningrad o reagiremo”

Dinanzi questo blocco, la Russia non rimane inerme e lancia un ultimatum deciso. Il ministero degli Esteri russo ha dichiarato: “Abbiamo affermato a questo proposito che se nel prossimo futuro il transito delle merci tra la regione di Kaliningrad e il resto del territorio della Federazione Russa attraverso la Lituania non verrà ripristinato completamente, la Russia si riserva il diritto di intraprendere azioni per proteggere i propri interessi nazionali”, si legge sul comunicato pubblicato anche online.

Inoltre secondo il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, la decisione lituana è “illegale”, e sarà seguita da contromisure ed è davvero una decisione senza precedenti, che viola qualsiasi cosa”, ha detto Peskov, “constatiamo che ciò deriva dalla decisione dell’Unione Europea di applicare sanzioni al transito. E consideriamo anche questo illegale”. In più, il portavoce di Putin ha assicurato: “La situazione è più che seria e richiede una profonda analisi prima che venga adottata qualsiasi misura o presa qualsiasi decisione. La profonda analisi verrà condotta nei prossimi giorni”.

Leggi anche: L’Ue continuerà a offrire supporto militare all’Ucraina

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram