La satira che premia il Cavaliere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La satira si è esercitata su Berlusconi in mille modi diversi e con alterne fortune. Per lunghi tratti lo ha fiaccato e ridicolizzato (dileggiato, come dice lui) minandone la credibilità ma non intaccandone comunque il vasto consenso che per una vasta quota è stato costruito intorno al fenomeno, supposto o reale, della persecuzione. Il Berlusconi “colpito da precoce e ingiusta calvizie” messo in scena da Sabina Guzzanti è però lontano anni luce da quello rappresentato oggi da Maurizio Crozza. Così come assolutamente sorpassato è il “povero Silvio” cui riferiva i suoi strali Antonio Cornacchione. Il Caimano ha rivelato il camaleonte che è in sé: Crozza l’ha colto e restituito nel più fedele dei modi smettendola di declinare gli affettati “mi consenta” e di caricaturare la denuncia dell’oppressione giudiziaria e la minaccia delle sinistre comuniste. Il nuovo Berlusconi tradotto dal comico genovese è irridente e beffardo: spogliato da ogni infingimento politico, esalta la sua smisurata, ma evidentemente giustificata, autoconsiderazione. Che figata!, dice di sé il Berluscrozza, e appare più verosimile che in ogni altra rappresentazione che ne è stata offerta. Irrimediabilmente vincente al di là dei risultati, così è descritto. E forse davvero lo è.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA