La scelta di campo delle pmi: adesso avanti con le riforme. Silvestrini (Cna): l’Italia ha energie per ripartire. L’Europa però lasci le politiche di solo rigore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Italia ha bisogno solo di tempo. E di maggiore chiarezza da parte dell’Europa. Perché fare le riforme e uscire dalla crisi sono alla nostra portata. Non ha dubbi il segretario generale della Cna, Sergio Silvestrini, palesemente soddisfatto per l’immagine che l’assemblea della Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa ha mostrato di questo Paese. La scelta di Mirandola – il piccolo Comune in provincia di Modena che ha ricostruito una realtà imprenditoriale d’avanguardia ad appena due anni dal terremoto in Emilia Romagna – è la prova che l’Italia ha energie infinite. “Chissà se i tedeschi sarebbero riusciti a fare altrettanto”, chiosa Silvestrini, che proprio in questa Europa vede il bivio tra ripresa e nuova recessione.

COMPITI A CASA
“Bruxelles – dice il segretario dell’associazione delle imprese artigiane – deve decidere se perseverare con una politica di solo rigore che non ci ha portato lontano o aprire a un nuovo ciclo espansivo. Poi è chiaro che noi dovremo continuare a fare i compiti – che peraltro stiamo già facendo – con le riforme, con i tagli alla spesa improduttiva, modernizzando il nostro sistema. Ma per far questo serve tempo. E in Europa non possono non rendersene conto”.

BASTA STECCATI
Magari non depone troppo bene vedere un sindacato che bacchetta il governo perché definisce eroi i piccoli imprenditori. “Certo – risponde Silvestrini – siamo abili nel mandare strani segnali. Ma non c’è dubbio che oggi i piccoli imprenditori sono eroi quanto lo sono altrettanto i loro collaboratori. Riproporre certi steccati ideologici non serve e di sicuro ci fa apparire incomprensibili in Paesi come la Germania, dove nelle fasi di ciclo economico basso imprenditori e dipendenti dividono i sacrifici. Esattamente come si condividono i benefici quando le cose vanno meglio”. Tra il dire e il fare nessuno meglio di chi fa impresa sa che può esserci un oceano. L’incombere di alcuni passaggi, come la possibile elezione di un nuovo Capo dello Stato e le riforme istituzionali, non finiranno per rallentare quelle altre riforme – essenzialmente di tipo economico – più urgenti per le imprese? “I passaggi istituzionali hanno un corso da cui non si può prescindere. Sia chiaro che l’aspettativa è di non impantanare l’iter già imbastito delle riforme che servono al sistema produttivo. Che le imprese non abbiano più un minuto da perdere è evidente a chiunque”.

IL PREMIER
Matteo Renzi per la prima volta ha parlato con le pmi e lo ha fatto con la Cna. Con il suo intervento alla vostra assemblea vi ha chiesto una scelta di campo sulle riforme. Qual è la risposta? Voi ci siete? “Guardi – risponde senza indugio Silvestrini – la scelta del Presidente del Consiglio di intervenire alla nostra assemblea è un fatto importante. Anche noi stiamo cambiando e oggi il ruolo di un’associazione d’imprese è quello di ascoltare, ascoltare e ascoltare i nostri associati, per ottenere con loro gli strumenti che davvero ci servono. Ma non sfuggo alla domanda, non è più tempo di concetti lasciati sospesi. Per questo voglio dare una risposta credo chiara: sulle riforme noi ci siamo! È sufficientemente chiaro?”.