La scure sui tribunali non si ferma davanti a nulla. Cosenza, nemmeno la sospensiva del Tar blocca l’accorpamento

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Franco Rossi

Avanti tutta. L’accorpamento dei Tribunali non conosce ostacoli e procede come un rullo compressore. Eppure in tutta Italia continuano le proteste e i disagi. Come a Rossano (Cosenza) dove è in corso una mobilitazione popolare contro il trasferimento del tribunale e l’accorpamento a quello di Castrovillari, nonostante la sospensiva decisa dal Tar. La scorsa notte le forze dell’ordine hanno portato a termine un blitz che ha permesso di trasferire alcuni fascicoli dal palazzo di giustizia dichiarato chiuso a quello di Castrovillari. L’intervento notturno si è reso necessario dopo che il trasferimento degli atti è stato bloccato da una manifestazione. I cittadini hanno, infatti, chiuso il passaggio dell’autovettura che usciva dal tribunale con i documenti e un manifestante è rimasto anche ferito durante le fasi concitate del presidio. Intanto davanti al tribunale di Rossano, come riporta il Corriere di Calabria – resta attiva l’assemblea permanente. Ieri mattina il Tar di Catanzaro, per la seconda volta in 48 ore, aveva bloccato le iniziative del presidente del Tribunale di Castrovillari, Caterina Chiaravalloti. Dopo aver sospeso l’efficacia del provvedimento con cui era stato disposto il trasferimento dei fascicoli e del personale dal Tribunale di Rossano a Castrovillari, i giudici amministrativi hanno accolto il “ricorso per motivi aggiunti” presentato dagli avvocati che rappresentano il Comune di Rossano. Il presidente Chiaravalloti, infatti, aveva emesso un ordine di servizio per il “trasporto dei fascicoli processuali e gip fissati per le udienze del mese di settembre”. Immediato il ricorso degli avvocati Rossella Laporta, Pasquale Catalano e Giuseppe Labonia che hanno sostenuto l’illegittimità del provvedimento per “eccesso di potere, difetto o erroneità dei presupposti, travisamento dei fatti, omessa istruttoria, difetto di motivazione, illogicità manifesta”. Ancora ieri il Tribunale amministrativo ha depositato il decreto con cui è stato accolto il ricorso, imponendo un nuovo stop alle operazione di accorpamento tra i Tribunali di Rossano e Castrovillari.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA