La sentenza definitiva dopo 43 anni. Maggi e Tramonte condannati all’ergastolo per la strage di Piazza della Loggia a Brescia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Corte di Cassazione ha confermato le condanne all’ergastolo per Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte, ritenuti responsabili della strage di Piazza della Loggia a Brescia del 28 maggio 1974. Il verdetto è arrivato dopo una lunga camera di consiglio su uno dei fatti storici più rilevanti degli Anni di piombo italiani.

Quel giorno a Brescia, nella piazza principale della città, l’esplosione provocò la morte di otto persone e il ferimento di oltre cento persone. La sentenza definitiva è arrivata 43 anni dopo e conferma quanto deciso dai giudici d’Appello nel 2015. La Cassazione ha ritenuto Maggi e Tramonte mandante ed esecutore materiale della strage: sono state accolte così le richieste del sostituto procuratore generale. I legai della difesa avevano chiesto l’assoluzione degli imputati.

Maggi e Tramonte appartenevano all’organizzazione neofascista Ordine Nuovo e rientravano quindi nella galassia della destra eversiva. I giudici, già nella sentenza di secondo grado, avevano evidenziato che con la strategia stradista si puntava a “destabilizzare il sistema politico italiano”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA