La spy story di Marcello

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nuovo capitolo sulla spy story Dell’Utri.
Secondo La Repubblica e L’Unità l’ex Cav avrebbe confidato ad Arcore durante una riunione a metà della scorsa settimana di sapere perfettamente dov’era il suo amico Marcello.
“Marcello è in Libano e l’ho mandato io”.
Dell’ex senatore  si sono perse già le tracce ma non è stata ancora conclamata la latitanza, né è stato firmato l’ordine di cattura internazionale. che sarebbe avvenuta di lì a poco con l’annuncio della cattura.
Il leader non è era al corrente, ma mostra di conoscere bene dove si trovi, e per quale motivo, il suo sodale di sempre. “L’ho spedito a Beirut qualche giorno fa perché Vladimir Putin mi ha chiesto di sostenere la campagna elettorale di Amin Gemayel”.

In pratica l’avrebbe inviato  in missione per verificare la possibilità di un sostegno finanziario all’ex presidente della Repubblica libanese in procinto di ricandidarsi alle elezioni di novembre.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA