Tragedia di Centocelle, il camper incendiato per vendetta tra bande rom. Ora ci sono due indagati per incendio plurimo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le scene di quell’incendio sono rimaste impresse nell’opinione pubblica. Ma ora la tragedia in cui persero la vita tre sorelle rom il 10 maggio scorso nel parcheggio di un centro commerciale a Centocelle, quartiere di Roma, ha dei presunti responsabili: ci sono infatti due indagati per incendio plurimo.  Si tratta di due uomini, anche loro di origine rom come le vittime, da oggi iscritti nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio plurimo, tentato omicidio e porto di oggetti incendiari.

Ai due gli inquirenti sono arrivati attraverso una serie di testimonianze e l’esame di immagini riprese dalle telecamere a circuito chiuso. La pista seguita dagli investigatori resta quella di una faida interna alla comunità rom.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA