La tratta delle nere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Facevano arrivare in Italia dall’Africa giovani donne e, dopo averle ridotte in schiavitù, le costringevano a prostituirsi. C’e’ la mafia  nigeriana nel mirino del blitz del Ros e del Comando provinciale dei carabinieri di Roma che ha portato all’esecuzione, nella capitale e in altre località, di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 34 indagati per associazione di tipo mafioso e associazione finalizzata al traffico di droga, aggravati dalla transnazionalità del reato, riduzione in schiavitù, tratta di esseri umani, favoreggiamento
dell’immigrazione clandestina, sfruttamento della prostituzione, riciclaggio e altri gravi delitti.

Al centro delle indagini, “un pericoloso sodalizio in grado di gestire, con modalita’ tipicamente mafiose, diversificate attivita’ illecite nei remunerativi settori del traffico e sfruttamento di esseri umani, del narcotraffico e del riciclaggio degli ingentissimi proventi”.
Grazie alla cooperazione internazionale instaurata con le autorità della Repubblica del Togo e’ stato possibile ricostruire l’intera filiera della tratta di giovani donne.