La verità del Dna: lo scambio di embrioni c’è stato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
dalla Redazione

La conferma attesa dagli esami del Dna è arrivata: all’ospedale Pertini gli embrioni sono stati scambiati. Di conseguenza, la donna che ha denunciato il presunto scambio sta portando avanti una gravidanza con due gemelli biologicamente non suoi.

A generare l’errore potrebbe essere stata una forte somiglianza tra i cognomi delle due coppie. Al momento si sta risalendo alla catena dei responsabili. Nello scambio di embrioni dunque sono coinvolte due coppie. “I risultati delle analisi effettuate unitamente ai riscontri procedurali delle operazioni svolte durante la seduta di trasferimento degli embrioni escludono il coinvolgimento delle altre coppie che sono state prontamente informate”, ha detto il direttore generale dell’Asl Roma B Vitaliano De Salazar.

Al Pertini sono state sospese le prime visite per le fecondazioni riguardo a nuove coppie. E la Direzione dell’ospedale Pertini “di concerto con la Commissione interistituzionale, ha provveduto alla nomina di un nuovo responsabile della struttura della Procreazione Medicalmente Assistita, rafforzato le procedure e confermato il fermo degli arruolamenti, riservandosi l’adozione di tutti gli ulteriori provvedimenti ritenuti necessari anche alla luce dell’indagine ministeriale”, ha detto il dg dell’Asl Roma B, Vitaliano De Salazar.

Intanto il Codacons ha depositato un esposto alla Procura di Roma. Si chiede di verificare “se siano ravvisabili nei confronti della Regione e della Asl competente diverse fattispecie penalmente rilevanti come l’omissione di atti d’ufficio e la violazione della legge 40”. Nei confronti del Pertini il Codacons ipotizza l’omissione di atti d’ufficio, l’interruzione di pubblico servizio e le lesioni personali alle coppie coinvolte “per lo stress psico-fisico” subito.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA