Lagarde bacchetta Draghi: “Più impulsi alla Crescita”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

“La politica monetaria in Europa dovrebbe dare ulteriori impulsi per la crescita”. Ne è convinta la direttrice del Fmi Christine Lagarde. E al giornalista che osserva che a Mario Draghi non piacciono i consigli, Lagarde risponde “lo so, ma cosa dovremmo fare? Noi diciamo la nostra opinione quando è necessaria”.

Nella gestione della crisi dell’euro, il presidente della Bce Mario Draghi ha detto le parole giuste al momento giusto. ”In modo molto abile – ha detto la Lagarde – lui ha trovato le parole giuste nel momento giusto. Nessuna parola è stata lasciata al caso”.

“Il flusso di credito nel settore bancario è sempre ancora fermo, i mercati del credito sono frammentati – continua la Lagarde -. Questo significa che nei paesi in crisi le imprese hanno chiaramente più difficoltà a ottenere credito, di quanto avvenga nei paesi economicamente forti dell’Eurozona”. “Inoltre i duraturi tassi bassi di inflazione comportano altri rischi aggiuntivi”.

E’ troppo presto per fare speculazioni su un intervento della Bce a giugno, come ventilato da Draghi. Lo ha detto l’esponente della Banca centrale europea Ewald Nowotny – scrive Bloomberg – sottolineando che un taglio del costo del denaro potrebbe non essere sufficiente e che la Bce può prendere in considerazione molteplici misure.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA