L’amante? Hollande fa il pesce in barile

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il presidente francese, Francois Hollande, visibilmente teso, ha bloccato le domande sulla presunta love story che lo vede coinvolto.

“Non è né il momento né il luogo, non risponderò oggi qui a nessuna di queste domande” ha detto Hollande, spiegando che sono questi “momenti dolorosi” ma “gli affari privati si trattano in privato, in un intimità rispettosa di ognuno. Non è il luogo né il momento di farlo. Ognuno nella sua vita personale – ha detto – può traversare delle prove, e questo è il mio caso. Sono momenti dolorosi. Ma ho un principio: gli affari privati si trattano in privato, in un’intimita’ rispettosa di ognuno di noi. Come cittadino – ha risposto Hollande a chi gli chiedeva se denuncerà il settimanale Closer, che ha pubblicato le foto sulla sua love story –  dovrei perseguire questa pubblicazione. Se mi freno è perché non ci sia  una disparità, non ci siano due pesi e due misure. Ma la mia  indignazione è totale. Non chiedo alcuna modifica della legislazione – ha aggiunto – sono contrario alle leggi di circostanza. Ci sono tribunali che possono punire gli abusi. Ma io sono presidente e dunque, protetto da un’immunità. Non mi si può denunciare, posso io denunciare gli altri?”.

Il futuro del rapporto tra Francois Hollande e Valerie Trierweiler, e quindi lo status ufficiale di quest’ultima, sarà chiarito entro l’11 febbraio, data in cui il presidente francese è atteso per una visita ufficiale a Washington.