Il nostro compleanno. Tre anni con La Notizia. Tra inchieste e schiaffi ai poteri forti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Gaetano Pedullà

Questo giornale oggi è giunto al traguardo dei tre anni di pubblicazioni. Anni durissimi per l’editoria, nei quali La Notizia è riuscita però a crearsi uno spazio grazie alla generosità dei nostri lettori e all’impegno di una straordinaria redazione. La promessa del primo giorno non è stata tradita. E con tenacia abbiamo fatto quello che deve fare ogni buon giornale, scavando in casa di grandi aziende, partiti politici, sindacati, lobby, spese pazze, appaltopoli, sanitopoli, affittopoli, faide tra ex An e Fondazione, lo sfacelo di Forza Italia, le furbizie delle primarie Pd, cooperative rosse e bianche, affari sui migranti, arciconfraternite: di tutto e di più. Senza guardare in faccia nessuno e senza farci intimidire dalla querele temerarie che ci sono arrivate da ogni parte, a cominciare da chi si erige a paladino della giustizia e della libertà d’informazione. Di questo, e della libertà della quale godiamo, sentiamo di dover ringraziare i nostri azionisti, a partire dagli imprenditori Vincenzo e Giovanna Zappalà, lo stampatore Mario Farina e il capo della tipografia Nedo Antonietti, tutti i collaboratori e gli inserzionisti che ci hanno dato fiducia. Grazie.