L’Aquila, altro che new town. Per il crollo dei balconi in una palazzina del Progetto C.A.S.E. finiscono 37 persone nel registro degli indagati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono 37 gli indagati per il crollo dei balconi del Progetto C.A.S.E. nella new town di Cese di Preturo all’Aquila. La procura sospetta una frode per milioni di euro ideata da ingegneri, dirigenti e imprenditori ai danni dello Stato e della Protezione Civile. Materiali non conformi quelli utilizzati e forniti dalla ditta Societa Safwood Spa a Futuraquila: questa l’accusa. I materiali non risulterebbero conformi alle norme e prescrizioni dei relativi Enti di unificazione e formazione Uni, Cei, En, Iso. Il legno utilizzato non presenta nessuna certificazione in merito all’idoneità e i pannelli in legno multistrato non rivelano alcun tipo di collante, il che riduce sensibilmente la resistenza della struttura. Tra gli indagati figurano anche alcuni dirigenti comunali aquilani che secondo l’accusa, pur avendo ricevuto segnalazioni,da cittadini residenti relative alle infiltrazioni di acqua su balconi e solai, non si sono preoccupati di capirne il perché accertandone le cause. Verifiche non compiute fino a che si è arrivati al crollo dei balconi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA