Al lavoro tutti con il Super Green Pass. Il Governo accelera la stretta. Costa: “Può convincere una parte dei 5 milioni di non vaccinati”

Super Green Pass Costa
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“L’estensione del Super Green Pass sui luoghi di lavoro può aiutare a convincere una parte dei 5 milioni di non vaccinati”. Ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, in previsione del Consiglio dei ministri del prossimo 5 gennaio. In merito, ha aggiunto l’esponente dell’Esecutivo, “c’è un confronto aperto nella maggioranza ma confido che anche stavolta il premier saprà trovare una sintesi e prevedo si arrivi a un’estensione del super Green Pass”.

Anche perché, ha detto ancora Costa, “dobbiamo risolvere una serie di contraddizioni che oggi ci sono, come il fatto che chi va a prendere un caffè viene chiesto il Super Green Pass ma a chi lavora nello stesso esercizio no”.

L’estensione dell’obbligo del Super Green Pass a tutti i lavoratori era saltata durante l’approvazione dell’ultimo decreto anti-Covid varato da Palazzo Chigi (leggi l’articolo). Ma a chiederlo con insistenza sono soprattutto le Regioni. Il governatore dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, sui social aveva spiegato che “le nuove misure introdotte dal Governo per contrastare questa fase inedita della pandemia spingono ulteriormente sulle vaccinazioni, distinguendo tra chi è protetto e chi no”.

“A partire dalle regole sulla quarantena e l’accesso alle attività sociali, ma è venuto il momento di introdurre il Green Pass rafforzato anche per tutti i luoghi di lavoro” aveva aggiunto Bonaccini. “Si tratta di una “misura che come Regioni avevamo già chiesto in quest’ultimo decreto, perché è l’unico modo per salvaguardare gli ospedali, la scuola, le attività economiche, la cultura e la socialità”.