Le banche spingono in alto Milano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Che giornata per Piazza Affari.
Le banche grandi protagoniste con Milano che archivia la seduta al top in Europa: il Ftse Mib chiude in rialzo del 3,44%, piu’ che recuperando cosi’ le perdite della vigilia.
A tirare la volata i titoli bancari, con Ubi Banca che festeggia con un +7,57% il riassetto della joint venture assicuratva con Aviva, il Banco Popolare a +7,89%, Bpm che sale del 6,49% nel giorno del vertice in Banca d’Italia dopo la bocciatura della nuova governance in assemblea.
Regina del listino Bper che recupera l’8,6% dopo la debacle della vigilia. Hanno recuperato anche i titoli delle big di Stato che erano state penalizzate dopo le nomine e alla fine nessun titolo chiude in rosso nel listino principale: in coda c’e’ Yoox con un +0,45%. Vola di quasi il 13% Mittel sulla possibile offerta amichevole di Invstindustrial per rilevare il controllo.
Un mix di fattori oggi ha favorito il rimbalzo, a partire dal buon andamento di Wall Street legato anche al buon dato della produzione industriale di febbraio (rivista al rialzo a +1,2% da +0,6%) e marzo +0,7% (contro attese per un +0,4%). In piu’, segnali positivi per i mercati sono arrivati dal balzo di Tokyo di stamattina (+3%) e dalla tenuta del Pil cinese (+7,3% nel primo trimestre).
Inoltre, si e’ chiuso oggi il collocamento retail del BTp Italia, con una raccolta di 10 miliardi di euro (domani ci sara’ la parte riservata agli istituzionali). In chiusura lo spread tra decennali italiani e tedeschi e’ a 161 punti base.
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA