Le aziende che aderiscono alla rottamazione delle cartelle esattoriali non possono partecipare agli appalti pubblici. L’allarme dei consulenti del lavoro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Rischia di non vedere la luce la sanatoria delle cartelle esattoriali per le aziende. L’allarme è stato lanciato dal Consiglio nazionale dell’ordine dei consulenti del lavoro che ha evidenziato tutti i rischi: “Manca un raccordo fra la normativa fiscale e quella previdenziale. Per questo motivo molte aziende potrebbero decidere di non aderire alla sanatoria”, scrivono i consulenti del lavoro nella nota diffusa, “Questo perché l’adesione alla rottamazione ad oggi blocca il rilascio alle imprese del Documento unico di regolarità contributiva (Durc) da parte dell’Inps e dell’Inail e di conseguenza rende impossibile partecipare agli appalti pubblici per la fornitura di beni e servizi”.

Una problematica non di poco conto quella sollevata dal Consulenti con la missiva inviata a Inps ed Equitalia per chiedere l’anticipazione degli effetti della sanatoria. Il vicepresidente del Consiglio nazionale dell’ordine dei consulenti del lavoro, Vincenzo Silvestri, ha sottolineato che “le imprese che non hanno in essere una rateizzazione con Equitalia e richiedono la rottamazione, in attesa di ricevere il via libera per il nuovo piano di rateazione, si vedranno decadere il rinnovo del Durc”. Quindi chi “avrà urgenza di chiudere contratti con la pubblica amministrazione troverà la rateazione più conveniente in termini di tempo, nonostante questa soluzione si presenti come la più onerosa”. Silvestri ha spiegato nella nota che “L’Inps e l’Inail potrebbero aggiornare le loro procedure informatiche per far equivalere l’accettazione dell’istanza di rottamazione da parte di Equitalia come un primo pagamento. In questo modo, si risparmierebbero almeno due mesi, poiché la risposta di Equitalia all’istanza deve arrivare entro maggio”. Altro nodo da sciogliere è legato alla gli interessi da corrispondere qualora vi fossero debiti contributivi con Inps ed Inail. Anche perché le sanzioni previdenziali sono una forma di risarcimento civilistico, con una differenziazione in caso di omissione o di evasione.