Le Borse chiudono una settimana nera. La paura cinese costa cara. Milano perde il 2,83% e i titoli bancari tornano a soffrire

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La contrazione del manifatturiero cinese ai minimi da sei anni continua ad alimentare il già forte malumore dei mercati finanziari e spinge in basso le Borse europee. Sulla scia dei listini asiatici (Shanghai ieri ha ceduto il 4,3%, Tokyo il 3%), gli indici continentali hanno chiuso la settimana con un rotondo segno meno. Francoforte, nonostante cinque cali consecutivi, è di nuovo fortemente penalizzata, mentre Milano arretra del 2,83%. Le vendite colpiscono soprattutto i bancari su cui c’erano molte “posizioni lunghe” degli investitori e su cui pesa il balzo dello spread Btp/bund in area 127 punti base (quasi il2% i rendimenti del decennale): Mediobanca e le maggiori Banche Popolari perdono oltre il quattro e mezzo percento. In flessione del 2,7% Luxottica che sconta la raccomandazione “vendere” emessa da Goldman Sachs.

PETROLIO A 40 DOLLARI
Parziale riscatto per Saipem, unico titolo tra le blue chips con il segno positivo, nonostante un petrolio scivolato sotto i 40 dollari al barile a New York come non accadeva dal 2009. La società di servizi per il settore petrolifero e il gas guadagna mezzo punto percentuale sostenuta dalla possibilità di nuove collaborazioni con Gazprom dopo la chiusura del progetto South Stream. Cnh (-4,4%) sconta il taglio delle stime della concorrente americana Deere.

CALI IN TUTTI I SETTORI
Nel venerdì nero dei listini, a livello settoriale si salvano solo le auto (-2,1% lo stoxx di settore) mentre crollano i farmaceutici (-4%), i servizi finanziari (-3,7%), l’energia (-3,69%) e le banche (-3,5%). A Parigi resiste ancora ai ribassi Technip (-0,9%) mentre perdono oltre il 4% SocGen e Peugeot. A Francoforte giu’ molti farmaceutici come Fresenius (-5,3%), Merck (-3,9%) e Bayer (-3,7%) e i big dell’energia, ovvero Rwe (-4,7%) ed E.On (-4,3%); quasi sulla parità Henkel (-0,4%). Infine Londra, dove scendono titoli finanziari come Standard Chartered (-4,2%), Old Mutual (-4,1%) e Prudential (-1,5%). Resistono, invece, le azioni delle materie prime con Tullow Oil (-0,3%), Randgold (-0,3%) e Fresnillo (-0,4%).

GUERRA DI VALUTE
Ma a livello generale è ancora la guerra delle valute innescata dalla Banca centrale cinese con la svalutazione dello yuan a catalizzare l’attenzione. Per effetto di questa mossa, negli Usa calano infatti le attese per un primo rialzo dei tassi di interesse a settembre e perde drasticamente spinta il dollaro. La parità con l’euro è fissata ora a 1,1351 contro gli 1,1241 della chiusura di giovedì scorso. A indebolire l’euro è appunto lo spostamento dell’orizzonte temporale per l’inizio della manovra di stretta sul costo del denaro. Solo il 35% degli investitori vede ora un aumento dei tassi a settembre contro il 50% di qualche giorno fa mentre il 60% degli investitori ritiene più probabile un primo intervento sui tassi a dicembre. Tutti segni che annunciano un autunno caldo per i mercati.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA