Le Borse europee aprono in leggero rialzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Borse europee in cauto rialzo in avvio di seduta, mentre gli investitori continuano a seguire con apprensione le notizie provenienti dai focolai internazionali di guerra. Intanto sale l’attesa per le decisioni che questo giovedì prenderà il consiglio direttivo della Banca centrale europea, anche se secondo la maggior parte degli esperti l’istituto centrale optera’ per lo status quo. Venerdì, inoltre, è in calendario l’importante dato Usa sul mercato del lavoro, cartina tornasole che determina anche la politica della Federal Reserve. Oggi, invece, Wall Street e’ chiusa per festività, così è possibile un’attività piu’ ridotta anche sui mercati europei.

Sulle prime battute Milano sale dello 0,13%, mentre lo spread si attesta a 151 punti. Francoforte va su dello 0,19% e Parigi dello 0,17%. A Piazza Affari Fiat continua a salire (+0,67%), festeggiando ancora le parole con le quali l’ad, Sergio Marchionne, ha preannunciato che la fusione con Chrysler andrà avanti visto che le richieste di recesso sono inferiori a 500 milioni di euro. Sono ben impostate le azioni delle banche, mentre accusano una flessione di oltre l’1% le Saipem, proseguendo la via del ribasso imboccata nei giorni scorsi.

Luxottica oscilla nervosamente attorno al prezzo di chiusura di venerdì di 40,63 euro, nel giorno in cui si riunisce il cda che annuncerà l’uscita dell’ad Andrea Guerra. Telecom cede lo 0,3% nell’attesa di comprendere le mosse dell’azienda in Brasile, anche se i vertici hanno assicurato che continueranno a portare avanti i piani di investimenti già stabiliti. Sul mercato valutario, l’euro e’ scambiato a 1,3133 (1,3146 venerdì) e a 136,75 yen (136,63 yen). Il dollaro/yen è pari a 104,11 (103,93). Il petrolio Wti e’ in rialzo dello 0,3% a 95,66 dollari al barile.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA