Le prime pagine del 6 agosto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

La Notizia. In apertura: “Appesi allo zero virgola dell’Istat e i commercianti si mangiano Renzi”. L’editoriale di Gaetano Pedullà: “Confcommercio. La rivolta dei Tafazzi”. A destra: “La tregua a Gaza tiene. Israele e Hamas ora dialogano” e “Allarme della Dia in Parlamento. L’incubo di nuove stragi.”.

Il Corriere della Sera. In apertura: “La ripresa non c’è, l’Italia arretra. I timori su conti e legge di Stabilità”. L’editoriale di Aldo Cazzullo: “Come disperdere un patrimonio”. Al centro: “Processi, cambia la prescrizione”. Sotto con foto: “Mister F1 paga 100 milioni e si salva”.

La Repubblica. In apertura: “Spending review, ecco tutti gli sprechi di enti e ministeri”. Accanto con foto: “Gaza la tregua nella guerra tra talpe umane e hi-tech” Sotto: “L’archivio segreto di Scajola nascosto in una finta parete”. Di spalla con foto: “Obama: aiuterò la mia Africa a cambiare il mondo”.

La Stampa. In apertura intervista al segretario di stato americano John Kerry: “Europa, fai muro contro Putin”. Sotto: “Sfida sugli ottanta euro. ‘Invisibili’, ‘Non ci credo’”. Accanto: “Guidi: la crescita non c’è, parte il contrattacco”.

Il Sole 24 Ore. In apertura intervista al ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan: “L’economia italiana peggiora, la velocità delle riforme è tutto”. L’editoriale di Marco Onado: “L’ondata cinese e l’interesse da consolidare”. Di spalla: “La ripresa stenta ma Unicredit è forte”.

Il Fatto Quotidiano In apertura: “Pensioni, tagli e stipendi, i professori messi in croce”. L’editoriale di Antonio Padellaro: “Prodi nella patria dei Tavecchio”. Al centro: “Conti e spread, l’autunno fa paura: il Tesoro tiene pronti 100 miliardi”. Di spalla: “Tavecchio, dossier in procura: manovre e strane spese”.

Il Messaggero. In apertura: “Effetto Pil, tagli alle detrazioni”. Sotto: “Oggi vertice tra premier e Berlusconi. L’ira dei piccoli, Alfano vuole garanzie”. Al centro con foto: “Audace colpo alla Camera: preso in due ore”.