Le Regioni iniziano a muoversi. Nuove misure restrittive in Emilia-Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Ma sulla Campania sarà il Governo a decidere

dalla Redazione
Politica

Nuove misure restrittive in tre regioni d’Italia. In Emilia Romagna il governatore Stefano Bonaccini ha chiuso i negozi la domenica, con le eccezioni di farmacie, parafarmacie, generi alimentari, tabaccherie e edicole. Restano aperti, invece, bar e ristoranti con le limitazioni già imposte dall’ultimo Dpcm, che prevede la chiusura alle 18.

In Veneto, invece, l’ordinanza emanata dal presidente Luca Zaia (nella foto) prevede la chiusura di grandi e medie strutture di vendita, sia a esercizio unico che con più negozi, compresi i parchi commerciali (outlet), nei giorni prefestivi. In Friuli Venezia Giulia, l’ordinanza anti-Covid “garantisce sotto forma di raccomandazione l’accesso agli esercizi commerciali di grandi e medie strutture di vendita nelle prime due ore della giornata agli anziani”, ha spiegato il governatore Massimiliano Fedriga.

Per quanto riguarda la Campania, dove oggi si sono registrati 4.065 nuovi casi di contagio e 31 decessi, il ministro per gli Affari regionali ha annunciato che il Governo, oltre a valutare quanto scriveranno nella loro relazione gli ispettori del ministero della Salute inviati nelle regione governata da Vincenzo De Luca, attenderà il monitoraggio di domani prima di decidere, tra sabato e domenica, se inasprire le misure. “Le misure arriveranno tra sabato e domenica – ha detto il ministro -, ma si daranno sempre 24 ore di tempo dopo l’ordinanza del ministro della Salute per l’organizzazione territoriale. Non ci sarà un Dpcm”.