Le spese decollano, i missili no. Stop ai finanziamenti per le ricerche aerospaziali

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Va bene pensare allo spazio, ma se le spese per arrivarci decollano più dei lanci c’è qualcosa che non va. Ecco dunque l’eliminazione degli automatismi di finanziamento con cui il Ministero dell’Istruzione contribuisce alle  spese di gestione del programma nazionale di ricerche aerospaziali  Pro.ra erogato al Centro italiano ricerche aerospaziali (Cira)  s.c.p.a. Lo stop è della Corte dei Conti dopo aver esaminato la relazione della gestione del Ministero dell’Istruzione,  dell’università e della ricerca. Non solo. La magistratura contabile, che mette in fila una serie di  criticità nella valutazione dell’erogazione del contributo, parla  anche della necessità di “potenziare le verifiche per ottimizzare le  risorse in un contesto generale di spending review” anche alla luce  del fatto che “il Programma nazionale per la ricerca aerospaziale  (Pro.ra) non viene aggiornato da ormai otto anni, venendo cosi’  menomata la funzione di indirizzo e programmatoria da parte  dell’Amministrazione”. Al ministero la Corte dei Conti suggerisce anche “una determinazione maggiormente ponderata delle singole rate del  contributo stesso in relazione alle effettive esigenze”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA