L’ecommerce non si piega alla crisi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

C’è un settore dell’economia che sembra non conoscere crisi. E’ quello dell’ecommerce, cioè del commercio che avviene tramite internet. Comodità e risparmio sono le armi su cui fa leva per attrarre il pubblico. I dati testimoniano la fortuna goduta da quella che nel nostro paese è ancora una nicchia ma che presto potrebbe diventare una colonna portante. Le vendite a mezzo web nel 2014 sono, infatti, cresciute, tanto che raggiungerà a fine anno un valore di 18 miliardi di euro, dopo aver superato i 14 miliardi nel 2013. Il volume è di 200 milioni di transazioni online complessive.

Gli e-shopper, cioè coloro che si rivolgono alla rete per acquistare beni e servizi, in Italia sono 10 milioni, vale a dire un 26% in più rispetto all’ultimo anno. Oramai un acquisto su quattro avviene sul web o tramite app. Lo rivela un’indagine di Netcom, consorzio del commercio elettronico italiano, svolta in collaborazione con Human Highway, Banzai, Postecom e Qvc.

“L’evoluzione in atto – ha evidenziato Roberto Liscia Presidente di Netcomm – sembra indicare il risultati di una completa ibridazione dei due mondi in una situazione di neutralità dei canali rispetto al percorso di informazione e di acquisto”.