L’edilizia non dà cenni di ripresa. Produzione in calo del 5,8%. E 96 mila posti di lavoro persi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Crisi profonda per il settore delle costruzioni.  A febbraio 2015 il valore della produzione è sceso dell’1,3% rispetto a gennaio. Una tendenza negativa simile a quella registrata in Europa, con una flessione dell’1,8% nell’Eurozona e dell’1,2% nell’Ue a 28. Quella del nostro Paese risulta essere la situazione peggiore d’Europa. La produzione del settore in Italia è calata del 5,8%rispetto ai 12 mesi precedenti. Nello stesso periodo, invece, l’Europa mostra un aumento dell’1,6% e nell’Eurozona l’attività delle imprese edili è stabile, con un incremento dello 0,4%. Sono 96 mila i posti di lavoro persi in Italia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra i 5S e il ponte

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA