L’estate non sta finendo. Allerta maltempo al sud nel week-end, temporali ad Amatrice. Ma da lunedì torna il caldo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’estate non sta finendo, si prende giusto un fine settimana di pausa, almeno al sud. Le previsioni meteo da venerdì 9 a domenica 11 settembre, infatti, confermano l’arrivo di una forte perturbazione sulle regioni meridionali: sono attesi violenti temporali, soprattutto nelle ore pomeridiane, su Campania, Puglia, Basilicata e la parte settentrionale della Calabria. Le temperature subiranno un calo di circa 5°C un po’ ovunque, comprese le città del nord nonostante sul settentrione persisteranno condizioni stabili. Nella giornata di sabato 10, inoltre, il maltempo si abbatterà anche sulle zone distrutte dal terremoto del 24 agosto: ad Amatrice e Accumuli le previsioni meteo indicano possibili nubifragi. La perturbazione si protrarrà fino a domenica, facendosi sentire in particolare sulla Puglia.

“Proseguono gli annunciati effetti della perturbazione che continua ad interessare le regioni centro-meridionali, con fenomeni più diffusi e intensi sul medio versante adriatico e al sud”, ha spiegato un bollettino della Protezione Civile. “Sulla base delle previsioni disponibili, d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – il Dipartimento ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra ed estende quello diffuso nella giornata di ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche”.

Tuttavia, da lunedì 12 settembre la situazione migliorerà con il ritorno del caldo su gran parte dell’Italia. Le temperature massime, infatti, torneranno di nuovo sopra i 30°C con una tendenza stabile almeno fino al mercoledì. Le piogge resisteranno solo su alcune zone costiere della Puglia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA