Letta non sta nella pelle. Il leader del Pd parla di vittoria trionfale che rafforza il Governo. La Meloni invece minimizza: “Il Centrodestra esce sconfitto, ma non è una débâcle”

ENRICO LETTA
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Il Pd oggi è rilanciato, vince ovunque queste elezioni”. È quanto ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, dalla sede del Nazareno (qui il video), commentando i risultati dei ballottaggi (leggi l’articolo). “Ho sempre imparato che la cosa più importante è ascoltare gli elettori – ha aggiunto il leader dem – e gli elettori sono più avanti di noi, perché si sono saldati e hanno consentito una vittoria trionfale. Il risultato di oggi è al di là di ogni più rosea aspettativa”.

“Noi possiamo forse avere l’interesse di andare rapidamente al voto per le politiche – ha sottolineato ancora Letta -, a cogliere quest’onda e andare a votare ma la nostra forza e il nostro successo è dovuto al fatto che gli elettori hanno capito che avevamo a cuore l’interesse del paese. Il voto rafforza il governo Draghi al quale chiediamo di andare avanti per tutta la durata delle legislatura perché sta facendo bene”.

“Centrodestra esce sconfitto alle amministrative: non riusciamo a strappare al centrosinistra le grandi città. Ma da sconfitta a débâcle, è eccessivo. Débâcle è del M5s, il Pd sta festeggiando sulle spoglie degli alleati grillini” il commento della leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni (qui il video).

“Ho parlato con Berlusconi e ora sentirò anche Salvini – ha aggiunto la leader di FdI -, credo che ci si debba vedere già questa settimana e lavorare insieme per un progetto chiaro. Rimane un tema di fondo che ci penalizza, i tre partiti hanno oggi tre posizioni differenti. E’ evidente che se un pezzo di centrodestra governa con M5S e Pd questo determina un disorientamento nell’elettorato. Questo è un tema che il centrodestra deve affrontare, dobbiamo lavorare immediatamente per dare un orizzonte”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA