L’Europa dei mercati prende fiato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Le borse europee prendono fiato dopo quattro sedute consecutive di rialzo. Con una seduta che si annuncia priva di indicatori macroeconomici di rilievo, sia sul fronte Ue sia su quello Usa, gli indici hanno avviato le contrattazioni segnando una correzione compresa tra lo 0,1% di Londra e lo 0,6% del milanese Ftse Mib. Piazza Affari paga il tonfo di Mps (-20,76%%), inondata dai titoli di chi ha esercitato le opzioni call e punta a trarre profitto dall’impennata delle ultime due sedute, e lo scivolone di Tenaris (-4%) che sconta il taglio della guidance da parte della concorrente francese Vallourec (-13% a Parigi). Tra i migliori Salvatore Ferragamo (+0,5%). Stefanel maglia rosa del listino (+8,1%) grazie all’accordo di ristruttrazione del debito con gli istituti di credito fino al 2017

Sul mercato valutario, euro stabile a 1,3538 dollari (1,3545 ieri) e a 138,47 yen (138,64). Il dollaro incrocia lo yen a 102,28 (102,35). Petrolio in rialzo dello 01,26% a 104,62 dollari al barile nel contratto di riferimento del Wti

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA