Liberato il diplomatico italiano rapito

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Un blitz delle forze di sicurezza yemenite ha liberato il diplomatico italiano rapito in giornata. Fonti internazionali danno la notizia per certa; la Farnesina,dopo un primo atteggiamento cauto, ha confermato l’ufficialità della notizia. Nel pomeriggio l’agenzia France Presse aveva dato notizia del rapimento nella capitale di un diplomatico italiano e di una donna che lo accompagnava. In un secondo momento precisando che “entrambe le persone rapite sono funzionari del Programma Onu per lo Sviluppo”. I due sono stati intercettati da un gruppo armato mentre si trovavano a bordo di un’auto nel quartiere di Hada, a sud di Sanaa. Secondo alcuni testimoni la vettura del diplomatico, blindata, è stata bloccata a tenaglia da un pick-up e da un taxi che lo seguiva.

I sequestri di stranieri avvengono frequentemente nello Yemen. Nelle mani di gruppi tribali già si trovano un insegnante britannico rapito a Sanaa il 13 febbraio e un cittadino tedesco rapito il 31 gennaio. Recentemente anche Al Qaida ha rivendicato il sequestro di stranieri e nelle sue mani ha un insegnante sudafricano, un diplomatico saudita e probabilmente anche un iraniano.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA