L’incubo africano è terminato: liberato l’imprenditore italiano Roberto Berardi. Era detenuto da oltre 2 anni in Guinea e fu accusato di truffa e appropriazione indebita

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’incubo di Roberto Berardi è finito. L’imprenditore italiano, detenuto da due anni e mezzo in Guinea Equatoriale, è uscito dal carcere di Bata il 9 luglio. La notizia è stata resa nota, con qualche giorno di ritardo dovuto ad un indispensabile silenzio stampa, dalla moglie e dal senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani di Palazzo Madama, che ha seguito da vicino la vicenda. Una storia che ha inizio il 18 gennaio 2013 quando Berardi, imprenditore edile e costruttore di strade attivo in Africa da vent’anni, finì in carcere all’improvviso.

LA VICENDA
Ma poco prima dell’arresto aveva avuto qualche presentimento. Tant’è che il giorno stesso in cui è stato portato via aveva convocato il consiglio d’amministrazione della sua impresa, la Eloba Construccion, per chiedere chiarimenti su alcune transazioni milionarie sospette. Tutte a nome della sua azienda e fatte dal suo partner, Teodorìn Nguema Obiang Mangue, il figlio del presidente della Guinea Equatoriale, al potere dal 1979. In un paese come la Guinea Equatoriale, in cui la corruzione è dilagante, è consuetudine che a ogni imprenditore straniero che decida di investire debba necessariamente affiancarsi ad un partner locale. Anche Berardi si era adattato a queste leggi non scritte nella creazione della sua società, Eloba: il 40% delle azioni era in suo possesso, il 60% nelle mani di Teodorìn. Era stato proprio Teodorin a notare le capacità imprenditoriali di Berardi e a proporgli una collaborazione. Ma quando Berardi ha chiesto chiarimenti su alcune anomalie contabili a nome della sua azienda, è finito misteriosamente in carcere accusato di truffa e appropriazione indebita. Dopo un periodo di isolamento di 22 giorni (mentre la legge locale prevede soltanto 72 ore), è stato processato e condannato a 2 anni e 4 mesi di carcere per frode fiscale o al pagamento di 1,2 milioni di euro, che però Berardi non possedeva perché gli erano stati sottratti tutti i beni in Africa e bloccati tutti i conti correnti bancari.

LA MALATTIA
Da allora sono passati due lunghi anni e mezzo, in cui il 50enne si è ammalato, ha contratto più volte la malaria, ed è dimagrito numerosi chili. Ha raccontato il suo inferno di bastonate e frustate in un video che è riuscito ad inviare al Tg1 un anno e mezzo fa. Già pochi mesi dopo l’inizio della detenzione aveva scritto una lettera-appello in cui raccontava la sua situazione: “Temendo per la mia vita, scrivo nella speranza che qualcuno possa e voglia aiutarmi ad uscire da una situazione che mi vede protagonista e che mi ha portato, da incolpevole, ad essere detenuto nelle carceri della Repubblica di Guinea Equatoriale ormai da 4 mesi senza nessun capo d’accusa e senza prove a mio carico”. “La mia famiglia sta tentando in ogni modo di coinvolgere gli organi preposti del Governo Italiano, fino ad ora senza risultati”, spiegava l’imprenditore.