L’incubo della guerra affossa le Borse

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Apertura negativa per le Borse europee che, dopo il passo falso di ieri (anche il Dow Jones americano nella notte ha chiuso a -0,94%), pagano ancora le incertezze geopolitiche legate all’abbattimento del Boeing malese sopra l’Ucraina, che ha causato 298 vittime civili. Cio’ mentre oggi, dagli Stati Uniti, e’ atteso l’indice della fiducia del Michigan. Cosi’ Milano perde lo 0,7%, Parigi lo 0,5% e Francoforte lo 0,66%.

A Piazza Affari nuova ondata di vendite sulle banche con il Banco Popolare che cede l’1,8% e Ubi Banca l’1,6%. Realizzi anche su Yoox (-1,3%) dopo che ieri aveva recuperato il 4%. Si salvano dai ribassi invece le utility e le societa’ di Stato con Eni (+0,3%), Terna (+0,15%) e Snam (sulla parita’). La migliore e’ Salvatore Ferragamo (+1%) dopo che Exane Bnp Paribas l’ha promossa a outperform. Sul resto del listino balza Kinexia (+4,6%) dopo l’uscita dalla grey list della Consob. Sul mercato valutario l’euro e’ stabile a 1,352 mentre il petrolio guadagna lo 0,5% a qutoa 103,63 dollari

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA