L’incubo Ebola si può sconfiggere

Dalla Redazione
Mondo

Dalla Redazione

Una speranza contro l’Ebola. Secondo l’Oms in pochi mesi potrebbe essere messo in circolazione un vaccino contro il terribile virus che continua a mietere vittime in Africa (sarebbero salite a 961). Per fronteggiare l’epidemia (divenuta per l’Oms un’emergenza internazionale) nelle prossime settimane si ricorrerà all’uso di farmaci sperimentali. Così come è stato fatto con il siero ZMapp, usato nei confronti dei due missionari americani infettati e che sta dando buoni risultati. “Divento più forte ogni giorno – ha scritto Kent Brantly, il medico attualmente in isolamento ad Atlanta – e ringrazio Dio per la sua misericordia perchè ho combattuto questa terribile malattia”.

Per quanto riguarda il vaccino l’Oms potrebbe acccelerare sulla sperimentazione già nei prossimi giorni. “Il nostro obiettivo è di iniziare i test a settembre – ha spiegato il direttore del dipartimento immunizzazione dell’Oms Jean-Marie Okwo Bélé in un’intervista alla radio francese Rfi- prima negli Usa e poi sicuramente in un paese africano, visto che è lì che abbiamo i casi. Verso fine anno potremmo avere i risultati, e trattandosi di un’urgenza si può pensare a delle procedure accelerate per averlo a disposizione nel corso del 2015”. Le nuove procedure per i test potrebbero scaturire dalla riunione del comitato di esperti di bioetica e medicina che l’Oms riunirà lunedì prossimo. “Ci si può chiedere se è giusto fare una sperimentazione in una situazione di emergenza – afferma Stefano Vella, direttore del dipartimento del farmaco dell’Iss – ma d’altra parte senza l’emergenza nessuno si muove. E’ un po’ come ai tempi di Jenner, l’inventore dei vaccini, che sperimentò il suo su suo figlio per proteggerlo dal vaiolo”.