L’invasione silenziosa dei migranti. Oltre 7 mila minori non accompagnati sono arrivati in Italia nei primi cinque mesi del 2016. L’Unicef lancia l’ennesimo allarme

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non si ferma l’esodo dei minorenni non accompagnati che arrivano in Italia. I dati diffusi dall’ultimo rapporto dell’Unicef parlano di oltre 7mila minorenni approdati nel nostro Paese nei primi cinque mesi del 2016. Dal rapporto emerge che più di 9 bambini migranti e rifugiati su 10 arrivati in Europa, attraverso l’Italia, partiti dal nord Africa sono non accompagnati. Per l’Unicef, molte delle 2.809 vittime registrate nel Mediterraneo (3.770 nell’intero 2015) tra gennaio e il 5 giugno 2016, sono bambini.

L’Unicef denuncia che i ragazzini che partono alla volta dell’Italia e dell’Europa in generale sono costretti ad affrontare anche notevoli minacce di abusi e sfruttamento. Minorenni costretti a fuggire per evitare guerre, povertà e disperazione. Nel rapporto si legge che “Operatori sociali italiani hanno raccontato all’Unicef che sia i ragazzi che le ragazze sono state aggredite sessualmente e costrette a prostituirsi mentre erano in Libia, e che alcune delle ragazze violentate aspettavano un bambino quando sono arrivate in Italia”. Molte storie, inoltre, restano avvolte nel mistero. “Si tratta di una situazione silenziosa e disperata, che non si può spiegare. Eppure, decine di migliaia di bambini affrontano il pericolo ogni giorno e centinaia di migliaia sono pronti a rischiare tutto” – ha spiegato Marie Pierre Poirier, Coordinatore speciale dell’Unicef per la crisi dei Rifugiati e dei migranti in Europa – “Abbiamo urgente bisogno di proteggere questi bambini da ogni tipo di abuso e di sfruttamento da parte di coloro che approfittano della situazione per sfruttare i loro sogni”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA